sign prayer

Signs Preyer, un nuovo disco da non perdere

Come per la maggior parte delle band anche la strada dei Signs Preyer è stata lunga, lastricata di problematiche, di ricerca di una identità e una strada propria. Non ultimo l’abbandono del secondo chitarrista dopo 10 anni di onorata carriera. Ma come recita un detto zen: siamo sicuri che questo contrattempo sia davvero un guaio? Per i romani parrebbe proprio di no. Da quartetto a trio ma con un guadagno di potenza non indifferente. Anche se questo ha significato dover riarrangiare il vecchio materiale. Tanta fatica che alla ‘fine’ ha dato i propri frutti. E che frutti. Il loro ultimo lavoro, III, è una bomba! Pesante, tecnico, arrabbiato, pachidermico. Un disco heavy nel senso letterale del termine quello dei Signs Preyer. Soprattutto ha una produzione che finalmente riesce a dare la giusta enfasi ai brani e la giusta ‘botta’. In sede live, se tengono questi suoni, devono essere delle macchine da guerra. E così dovrebbe essere considerando che il disco è stato registrato live, eccezion fatta per la voce. Un sistema ‘obsoleto’ ma decisamente efficace. Lo stile resta inalterato, Black labe society, Alice in chains e via discorrendo, ma la potenza ha raggiunto livelli davvero notevoli. Se lo si ascoltasse senza sapere che la band è italiana non c’è nulla che potrebbe farlo presagire.

Tirando le somme, per i Signs Preyer, un disco che arriva come un pugno in faccia e prima di ritirarsi ci trascina per una decina di metri senza perdere forza.

Consigliato agli amanti dei suoni decisi, dei muri di suono, delle mazzate sui denti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *