frozen factory

Frozen Factory, mix di rock e metal per il nuovo “Of Pearls & Perils”

Frozen Factory, Of Pearls & Perils” segna il loro secondo album completo e la terza pubblicazione tra LP/EP. Le sue 12 canzoni, comprese le tradizionali brevi tracce introduttivi e finali, esplorano argomenti di uguaglianza, vita, aldilà e crisi climatica. Il suono si intreccia attraverso una gamma di paesaggi sonori ora pesanti ora leggeri che traggono influenza da band quali Pink Floyd, Alice in Chains, Iron Maiden e Depeche Mode, annuendo a molti altri della scena AOR scandinava.

L’album inizia con una voce registrata da una delle nostre fan più attive, Angela C. La sua voce compare anche in molti altri piccoli momenti del disco. Due delle sue battute sono in francese, una lingua che la band ha anche inserito in “The First Liquidation EP”. Stephen ha scelto di utilizzare alcuni momenti francesi perché la lingua francese include alcuni modi di dire che non funzionano altreettanto bene in inglese. L’apertura di Angela per “Murder in the Depths” si traduce come “Solo uno sciocco non cambierebbe mai idea”.

I temi dei testi riflettono la lotta interiore del cantante Stephen Baker con il comportamento di gran parte della razza umana, incluso se stesso.

“Non riesco davvero a capire perché siamo così incuranti del nostro pianeta natale e delle comunità viventi che ne dipendono. Sono triste quando vedo persone normali combattere con altre persone normali e poi votare per dare potere a persone che sono determinate a distruggere la gente normale. Sento che siamo diventati così facili da influenzare, così facili da ingannare, così facili da distrarre con banali differenze”.

“Mi piacerebbe vedere un mondo sicuro in cui ogni essere umano gentile e rispettoso della vita abbia l’opportunità di raggiungere il proprio potenziale, indipendentemente dal tipo di corpo che possiedono, dalle convinzioni che seguono o dallo stile di vita che conducono. Le nostre canzoni di solito sono un campanello d’allarme e spesso scritte per spingere me stesso così come chiunque altro ascolti, perché a volte mi sento pigro e inattivo riguardo a cose che dovrebbero farmi arrabbiare fino in fondo. Voglio essere di più. Voglio fare di più per aiutare. Voglio che la civiltà umana abbia successo”.

Of Pearls & Perils” è stato scritto interamente dal bassista Tomi Hassinen e dal cantante Stephen, tuttavia, deve riconoscere a Marianne Heikkinen, batterista, il merito di aver completamente migliorato le canzoni con la sua immensa abilità di batterista. Da evidenziare allo stesso modo i chitarristi, Mici Ehnqvist e Joni Koivumäki, per aver aggiunto i loro eccellenti contributi sia ritmici sia solisti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *