Low Gear, il nuovo album Siktunes Redux

Low Gear scrivono musica che deriva dalla somma delle loro esperienze. Lo esprimono con musica pesante. Cantano della realtà dell’essere malati e della realtà di lasciarsi andare e di essere un potere onnipresente con forza e desiderio e una spinta ad avere successo e realizzare nella vita i tuoi sogni, ciò che tutti gli umani meritano. E quando si faranno vedere, farà rumore, diventerà pesante e saprai chi siamo.

La band ha pubblicato il loro nuovo CD ufficiale mondiale “Siktunes Redux”. Il primo singolo uscito è stato “Mexican Radio”, una cover del mostruoso New Wave Stars “Wall Of Voodoo” degli anni ’80, uno dei remake più cool che ascolterai. Il secondo singolo “Chemical Burn” ti spaccherà.

La sua spinta ritmica energica e pesante sarà presto un successo, dominando le classifiche metal. L’intero CD è heavy e solid metal.

Low Gear è stato portato in vita dal batterista/ingegnere del suono, “Gotti”. La sua visione per la band e il suo suono si è sviluppata dalle sue esperienze di vita di conflitto personale, dolore, rabbia, e il suo amore per la musica e la sua esperienza nella creazione.

Le prove della vita all’inizio rispecchiano un gran numero di anime in questo mondo. La sua presa sulla realtà e il desiderio di successo porterebbero la sua passione e i suoi talenti a un apice creativo per manifestare ciò che è, Low Gear.

I membri dei Low Gear sono stati reclutati uno per uno da alcune delle migliori band di Dallas, in Texas. Ogni posizione è stata riempita con gli elementi esatti necessari per forgiare la struttura che aveva immaginato.

Mucky: chitarrista, amico di lunga data di Gotti e compagno di band in precedenti progetti. Un genio ritmico e un mostro creatore di suoni di chitarra pesante hanno firmato la sua inclusione nel sangue.

Capra, Basso elettrico, tempismo assoluto e precisione impeccabile, la sua inclusione era fissa. Il processo creativo è stato semplice, ma le esigenze professionali sono state esaurienti. Sam, Guitars, traboccante di creativi musicali che completavano perfettamente la richiesta di contrasto della musica nel suo processo di modellazione.

Roach, cantante, frontman, poeta, espressivo di una colpa, il suo tutto conteneva dolore e sofferenza di una vita completamente cresciuta da semi di sofferenza in mostra attraverso una finestra con un cartello che diceva “guarda il mio inferno”. Spericolato e noto per attività autodistruttive e illegali.

Eppure Gotti avrebbe affinato e diretto Roach, e gli avrebbe reso una forza e una garanzia che le esperienze della vita fossero da vivere, quindi liberate, attraverso l’espressione, per non digerire e soffrire la sua amara spina per l’eternità. Questi sono gli ingredienti di Low Gear e della sua musica. La sua espressione.

Il suo design creativo è stato costruito con l’intenzione di rispecchiare il dolore delle esperienze di vita, quelle esperienze che tutte le vite, tutte le anime incarnate su questo pianeta sopportano. Replichiamo il fuoco emozionale del vivere, contorciamo e formiamo una forma musicale con parole che sono la traduzione dell’espressione musicale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.