La musica della porta accanto

La musica attraverso suoni, parole e immagini. Tempi-Dispari è un portale culturale grazie al quale è possibile essere sempre aggiornati sulle ultime evoluzioni delle “cinque arti”. Tempi Dispari si pone al di sopra delle etichette, delle mode del momento, così come rimane estraneo agli influssi del mercato globale. Tempi Dispari, la musica della porta accanto. Per saperne di più non resta che visitare il portale. Cosa aspetti, let’s be rock together!

“Impressions, Il Palcoscenico Della Mente” degli Aevum

Recensione a cura di Carmine Rubicco

Goth che mixa piuttosto sapientemente elettronica, black, atmosfere scure, un certo gusto pop con stralci classicheggianti. Gli Aevum hanno fatto un buon lavoro. Il loro Impressions, per metà cantato in italiano e per metà in inglese, è un ottimo disco. Vario, non incasellato e non fossilizzato sugli stilemi del genere. Anche là dove le “regole” per essere considerati gothic la fanno da padrone con ridondanze scontate i nostri ne escono, pur se non sempre, molto bene inserendo elementi che rompono gli schemi e la prevedibilità dei brani. Tecnicamente, così come a livello di suoni e produzione, il full si presenta impeccabile. Non tanto da un punto di vista tecnico, aspetto che non manca pur se non eccelso, ma da un punto di vista compositivo. Decisamente coraggiosa la scelta di affrontare brani della durata superiore ai 10 minuti. In questo frangente mostra un po’ la corda il limite tecnico, della chitarra in particolar modo. Tecnico sempre inteso non soltanto da un aspetto esecutivo ma compositivo e di esecuzione. Molto valida per tutta la durata del disco l’alternanza delle due voci, maschile e femminile, con un particolare richiamo a quella femminile che passa con estrema disinvoltura da stralci lirici a narrati densi e coinvolgenti soffermandosi su picchi semplicemente melodici.

Tirando le somme un disco interessante, non schematizzabile in rigidi confini. Gothic/metal per atmosfere dominanti, ma meno per i cambi e il crossover con generi apparentemente lontani come il jazz. Unico limite in realtà è rappresentato dal genere di partenza stesso che impone determinati standard compositivi.

Track list

01. Il palcoscenico della mente
02. Blade’s kiss
03. Intermezzo
04. The battle
05. Il lamento della ninfa
06. Impressioni
07. Lost soul
08. To be or…to be
09. Aevum
10. Monsters
11. Adieu à la scène

aevum2

Membri:

Evelyn Moon: main female voice, opera/clean/spoken voice;
Hydra: main male voice, opera voice, scream and growl;
Richard: pianist and backing clean/growl/scream vocal;
Ian: synth music, keyboard and effects;
Lord Of Destruction: rhythmic/solo guitar;
Violet: bass and backing clean vocal and spoken voice;
Matt: drums

Contatti:

Sito Aevum

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *