Esce oggi per Gente Bella “Assurdo Universo”, il primo LP dei Nova Lumen

“Assurdo Universo” parla di umanità, spazio, eternità e solitudine. Il disco nasce dal pensiero di mondi solitari separati da infinite distanze cosmiche, astri irraggiungibili che nel loro vagare per sempre nel vuoto non si incontreranno mai. Proprio nel confronto con queste misure incalcolabili diventa evidente la brevità dell’esistenza umana, che è una condizione fragile e precaria, relegata alla periferia dei tempi e degli spazi sterminati che si estendono oltre la realtà conosciuta. Questi temi, che da sempre ci hanno affascinati, si ritrovano anche in alcune letture che ci hanno accompagnati durante la scrittura del disco, soprattutto le poesie di M. Houellebecq, “City” (“Anni senza fine” nell’edizione italiana) di C. Simak, il racconto “Solitude” di G. de Maupassant e gli scritti di A. Schopenhauer, testi che hanno rinforzato il nostro immaginario e che in qualche modo hanno influenzato la creazione dell’album. La conseguenza è stata quella di creare brani che condividono la stessa atmosfera incentrata sulla separazione che c’è tra noi e l’infinito, e che simbolicamente si rispecchia nelle eterne distanze che allontanano tra loro astri sconosciuti persi nel cosmo.”

Guarda e condividi:
‘Ambrosia’ (videoclip)
‘L’orizzonte Degli Eventi’ (videoclip)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *