Einstürzende Neubauten, tre date in Italia per il tour di “Lament”

Gli Einstürzende Neubauten hanno dato alla luce il loro nuovo, eccezionale progetto “Lament”. La storica band tedesca ha realizzato un’opera musicale ispirata dallo scoppio della Prima Guerra Mondiale. Per la concretizzazione di queste nuove composizioni la band ha fatto ricorso al proprio ormai riconoscibilissimo approccio da sempre esplicitamente legato alle tradizioni della avant-garde.

Le date:
25 giugno Roma, Citta’ dell’Altra Economia al Campo Boario Testaccio – Eutropia Festival
6 luglio Bollate (Mi), Villa Arconati – Villa Arconati Festival 
7 luglio Firenze, Teatro Le Mulina

Gli Einstürzende Neubauten hanno eseguito una vasta ricerca di registrazioni audio risalenti al periodo 1914-16 dei prigionieri di guerra provenienti da tutto il mondo (registrate in uno dei primi grandi campi di internamento vicino a Berlino), conservate negli archivi sonori della Humboldt University di Berlino e al Deutsches Rundfunkarchiv (Archivio di radiodiffusione tedesco). Inoltre è stato utilizzato anche materiale visionato e ascoltato presso il Militärhistorisches Museo di Dresda.

La forza del progetto risiede nell’associazione di due delle più antiche forme musicali, il “lamento” e il “mottetto” (opere di un compositore fiammingo del Rinascimento che ha a che fare con la storia biblica del figliol prodigo), che verranno incastonate all’interno delle registrazioni audio dei prigionieri di guerra.

Al tutto verrà aggiunta la musica dei leggendari “Harlem Hell Fighters ” – il primo battaglione di combattimento formato da truppe afro-americane a combattere durante la prima guerra mondiale quando gli americani li “prestarono” ai francesi come rinforzo – il cui valore fu riconosciuto solo postumo.

Gli strumenti che utilizzeranno gli Einstürzende Neubauten dal vivo saranno come sempre molto particolari e innovativi.

Principalmente si tratterà di pezzi di acciaio, voce, oggetti recuperati “per caso”, elettronica, oltre ad un ensemble d’archi.

Non sarà un concerto sulla Prima Guerra Mondiale, ma piuttosto una composizione che vi associa dei temi correlati:”Erst muss man Platz schaffen , damit etwas Neues entstehen kann” (“Prima bisogna fare spazio, di modo che qualcosa di nuovo possa essere creato” – Blixa Bargeld).

Fonte: Ticketone.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *