J27, dopo due anni di nuovo nella Capitale

Riceviamo e pubblichiamo:

Nu Eventz, Romalternative, Exitwell e Jailbreak Live Club presenteranno, per la vigilia del primo maggio, tre realtà importanti dell’underground italiano. Ci saranno i Flyzone, gli Zerodiva, i J27 e gli Artefici, band vinicitrice pari merito con gli Acid Muffin del contest Rockenrolla live Fest 2.1.

I toscani J27 sono la band denominata, ”la risposta italiana ai Guns N’ Roses” . Suonano un hard rock moderno, dal sound accattivante e dai riffs ricercati. Torneranno a Roma dopo due anni in occasione del loro Regeneration Tour 2015, per il loro album, Regeneration (ottobre 2014). In fase di lavorazione il videoclip di America Dreaming, brano in collabrazione con l’ex L.A. Guns Tracii Guns.

Formazione J27: Marco Biuller (vocals), Alex Sabadini and “Mamo” Giusti guitars, Glenn Strange (bass), Lupo (drums).

I Flyzone sono stati trasmessi da molte radio e recensiti da testate importanti. Hanno preso parte come ospiti al Music Italy Show a Bologna nel 2013 e intervistati da Red Ronnie. Il loro ultimo lavoro in studio si intitola Hard Day’s Morning. Di prossima pubblicazione il singolo The Chessmaster.

Formazione: Giovanni Iurisci, Danilo Garcia Di Meo, Paolo Garofalo.

Ci sarà anche l’alternative rock degli Zerodiva, band attiva dal 2009. Nel corso della loro carriera hanno ricevuto consensi e meriti da critica e stampa di settore, fino alla partecipazione da protagonisti in un episodio della famosa fiction televisiva in onda su Canale 5, I Cesaroni. Suoneranno la loro musica e brani dall’album Creatività e Schizofrenia.

Formazione: Aleks Ferrara (voce, basso, piano, rhodes, synth, loops) Valerio ‘Bull’ Bulzoni (chitarra, piano, tastiere, voce), Mark Madhoney (batteria, rumori, loops, voce)

Gli Artefici suonano un rock che assume varie forme, instintivo e immediato. Il loro ultimo lavoro in studio è intitolato L’Ipocrisia del Babbano (Myo Agency, 1 aprile 2015). E’ l’album il cui titolo è ispirato alla famosa serie di romanzi fantasy, Harry Potter, di J.K. Rowling. Elasticità di intelaiatura, riffs variegati e moltepilici digressioni sonore.

Hard rock, alternative e … fantasy!

Testo a cura di Ilaria Degl’Innocenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *