La musica della porta accanto

La musica attraverso suoni, parole e immagini.

L’onestà intellettuale degli Anno mundi

Recensione a cura di Carmine Rubicco

Tante volte è difficile trovare un disco ‘onesto’, sincero nelle intenzioni e fedele a se stesso. Questo Rock in a danger zone degli Anno Mundi lo è. Il quintetto romano torna sulle scene con una line up rinnovata e una schiettezza inusuali. Il disco dice: a noi questo piace e questo suoniamo, senza se e senza ma. Non dobbiamo dimostrare nulla a nessuno tranne a noi stessi’. E così è tutto il disco. Gli accostamenti stilistici sono evidenziati dalla band medesima: dalle canoniche influenze sabbathiane di “Searching The Faith” ai barlumi di epic metal di “Megas Alexandros”, passando per l’hard rock di stampo classico di “Pending Trial”, le influenze hard southern di “Blackfoot”, le sperimentazioni cosmiche di “Dark Matter: Nibiru’s Orbit”, la fugace incursione prog di “Tribute To Erich Zann”.

Il disco contiene anche una cover dei Kiss e un medley registrato dal vivo al festival RoMetal del settembre 2014.

Buona la produzione, anche se in alcuni punti la batteria sovrasta il lavoro degli altri strumentisti. Inutile parlare della perizia tecnica, impeccabile per quel che il disco deve proporre. Una menzione al cantante Federico Giuntoli che tiene banco per tutta la durata del disco senza cali e adattandosi alle esigenze di ogni brano. Per espressa volontà del gruppo, l’opera viene pubblicata soltanto in vinile, in una tiratura di 300 copie numerate, complete di inserto con foto e testi.

Di queste, le prime 100 copie sono stampate in una limited edition comprendente calendario degli Anno Mundi e riproduzione della copertina autografata dai membri della band.

Non esistono copie promozionali del disco.

Che differenza fa all’interno della propria discoteca questo lavoro? Probabilmente non molta, ma di certo è meglio non farselo scappare date le sue particolarità di pubblicazione. Un disco per ‘nostalgici’ e per chi vuole assaporare atmosfere d’altri tempi ma con intenzioni e produzione contemporanea.

Tracklist:

Side A

1 – In the saloon (1:14)

2 – Blackfoot (4:10)

3 – Megas Alexandros (7:50)

4 – Dark Matter (Nibiru’s Orbit) (1:34)

5 – Searching The Faith (5:58)

Side B

1 – Tribute To Erich Zann (0:36)

2 – Pending Trial (8:36)

3 – Fanfare (2:09)

4 – Live Medley (10:50)

a) – Shining Darkness

b) – Dwarf Planet

c) – Timelord

d) – God Of The Sun

Contacts:

e-mail: annomundigroup@gmail.com

ReverbNation: http://www.reverbnation.com/annomundi

FaceBook: http://www.facebook.com/annomunditheband

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *