Circlelight, disco d’esordio “Ties and struts”

“Ties And Struts”, dei Circlelight, è una metafora che fa riferimento alla meccanica razionale, in particolare al modello dei tiranti (ties) e puntoni (struts), che rappresentano forze opposte all’interno di un elemento strutturale. Nel contesto del disco, l’autore è l’elemento strutturale elementare. Da una parte, il senso d’inadeguatezza e la costante paura di sbagliare sono viste come forze interne che possono spingere a rifugiarsi in un angolo e a rifiutare la realtà. Dall’altra, l’amore per la musica, la vita e le persone che ne fanno parte, spingono nel verso opposto e ci aiutano ad andare avanti. “Ties And Struts” non è stato pensato come un concept album, ma al tempo stesso non è una semplice raccolta di canzoni. L’album trova il suo filo conduttore nella costante ricerca di un equilibrio interiore. I brani del disco nascono come reazione a quelle spinte opposte e descrivono, in ordine sparso, momenti e sensazioni appartenenti ad una fase precisa della vita dell’autore.

Crediti
Produzione e mixing a cura di Antonio Prugno Siniscalchi
Registrato e masterizzato da Giovanni Di Fusco con l’aiuto di Antonio Prugno Siniscalchi presso Studio 12 a Falciano del Massico (CE)
Testi e musiche di Emanuele Durante
Arrangiamento a cura di Antonio Prugno Siniscalchi ed Emanuele Durante
Grafiche a cura di Simone Capuano

Emanuele Durante – voce, cori e chitarre acustiche
Stefano Torino – chitarre elettriche e chitarra-ukulele
Daniele Apicella – batteria e percussioni
Emanuele Marsico – flicorno e tromba

Tracklist
1.Stay Away
2. Sense Of Unrest
3. From The Outside
4. Little Help
5. Know Me Well
6. Cellar Door
7. City Of Grace
8. Sense Of Unrest (Holloway Road Version)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *