La musica della porta accanto

La musica attraverso suoni, parole e immagini. Tempi-Dispari è un portale culturale grazie al quale è possibile essere sempre aggiornati sulle ultime evoluzioni delle “cinque arti”. Tempi Dispari si pone al di sopra delle etichette, delle mode del momento, così come rimane estraneo agli influssi del mercato globale. Tempi Dispari, la musica della porta accanto. Per saperne di più non resta che visitare il portale. Cosa aspetti, let’s be rock together!

Mario Conte, esordio nel mondo oltre uomo: Overtones

Recensione a cura di Carmine Rubicco

Esordio discografico per Mario Conte dopo illustri collaborazioni con artisti quali Panoramics, Technophonic Chamber Orchestra, Colapesce, Atari Alfio Antico, Abudllah Chaddeh e soprattutto con Peppe Barra e Meg, nonché fondatore del collettivo Phone Jobs, nel quale insieme ad altri musicisti ha iniziato un percorso di riciclo creativo di oggetti elettronici come i telefoni cellulari, riutilizzati per comporre ed eseguire musica. E il futuro è l’ambito in cui si muove la proposta musicale del nostro. Questo Overtones, ep di 5 brani, si pone in linea con quella che può essere definita elettronica minimalista e sperimentale. Non quella di Philip Glass ma quella dei padri fondatori del genere quali La Monte Young e Terry Riley. Quindi spazio a cavalcate umorali monotoniche, ‘ripetitive’ e basate più che sulla forma canzone sulle reazioni dell’ascoltatore, sull’impatto che il suono ha sul suo stato d’animo. A dominare non sono i confini tipici di un brano ma un insieme di suoni volti a creare una reazione in chi ascolta lasciando libero il pensiero di vagare per i propri meandri più o meno scuri. Ulteriore richiamo sono i suoni dell’elettronica post anni 2000 di Felix da Housecat. Quindi beat molto bassi che offrono ottima base per la sovrapposizione di atmosfere profonde e avvolgenti ora inquietanti ora più serene. Chiude la cinquina Modern Country Side che aggiunge in coda a tutto un afflato di industrial, quasi a lasciare una porta socchiusa su quello che potrebbe essere un prossimo lavoro.

In conclusione Overtones è un disco certamente non semplice e per ‘palati forti’, oltre che avvezzi a tali sonorità, pronti non solo a nuove sensazioni ed emozioni ma dalla mente completamente aperta per poter seguire Conte nel suo viaggio onirico nel mondo dell’oltre uomo. Un disco che si apprezza col tempo e con i ripetuti ascolti che danno la giusta chiave di lettura per questo joyciano flusso di coscienza.

Tracklist: 1. Harmonic Field #1
2. Harmonic Field #2
3. Organic Wave Part 1+Organic Wave Part 2
4. Modern Country Side

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *