Tempi-Dispari.it

Controtempi di Cultura

Dalle montagne del Verbano Cusio Ossola una ventata di novità con i Nine Eight Central e il loro debutto In the woods

Recensione a cura di Carmine Rubicco

Molto interessante la proposta dei verbanesi Nine Eight Central. In the woods, loro prima fatica sulla distanza, presenta una band già ben delineata a livello caratteriale e quindi stilistico. Non rientrano in nessuna etichetta precostituita. Cercando di definirne lo stile si può dire siano riusciti a raccogliere sotto un unico cappello la malinconia degli anni 70 nascosta in alcune melodie dei Jefferson Airplane unita alla dark new wave più ‘fluida’, passando per i Muse meno elettrici, i Suede più ispirati, la psichedelia e i primissimi U2 per approdare al post rock nordeuropeo. Molto presenti e spesso caratterizzanti le linee della sezione ritmica, Mario Bertazzi alla batteria ed Emanuele Frigione al basso, cui la chitarra di Massimilinao Piccagli fa da “contorno”. Sebbene autoprodotto il disco è ottimamente mixato offrendo un tappeto ben equilibrato su cui poggiano le melodie di Federica dalla Savina. Menzione speciale per lei per l’ottima prova sia a livello vocale sia a livello espressivo. Nessun vocalizio inutile o fuori luogo e melodie sempre azzeccate. Non da meno i suoi compagni di viaggio, tecnicamente ben preparati ma non per questo bisognosi di dimostrarlo a tutti i costi. Lodevole e più che corretta la scelta dei suoni che ben si adattano alla proposta musicale della band. Un disco quello dei nostri assolutamente non diretto, che necessita di ripetuti e accorti ascolti per coglierne intenzioni e sfumature. Suggerire un brano che possa spiccare non è possibile. Ognuno tra le 11 sceglierà la canzone cui si sentirà più affine. E non sarà una scelta qualitativa ma meramente umorale e personale. Data la potente forza evocativa e il preponderante aspetto onirico e psichedelico la curiosità è vedere come dal vivo questi prendano sicuramente ancora più incisività. Una band da seguire e non lasciarsi scappare per chi cerca suoni morbidi al punto giusto ma soprattutto un gruppo che cerca di andare oltre gli schemi. Anzi, una band che agli schemi non pensa minimamente.

Tracklist:

1. OXYGEN
2. BROKE UP
3. RUN TONIGHT
4. INVITATION
5. A PRECIOUS DREAM
6. JUST A SMILE
7. AGAINST  
8. WHY CAN’T I SLEEP?
9. WATER OWNER
10. IN THE EVENING
11. MELT DOWN 

Line up:

Massimiliano Piccagli (chitarra,voce)
Mario Bertazzi (batteria)
Federica Dalla Savina (voce)
Emanuele Frigione (basso)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *