Captain Martell, Dirty white king, una tempesta di originalità in un mare nero di emozioni

Captain Martell, Dirty white king, una tempesta di originalità in un mare nero di emozioni

Recensione a cura di Carmine Rubicco

Questa sesta fatica dei veneti Captain Mantell può essere considerato il disco più duro, pesante e scuro della band. Per chi li conosce è un cd che può riportare ai tempi del loro Bliss. Per chi non li conosce le cose si complicano perché descrivere il sound dei nostri non è semplice. Il primo riferimento stilistico riscontrabile è il così detto Seattle sound non grunge che comprendeva nomi quali My sister’s machine, Skin Yard, Melvins e via discorrendo. Accanto a questi vanno poi posti gli Smashin Pumpkins più pesanti e i Soundgarden più oscuri. Ma non finisce qui. Tutto ciò è miscelato con passaggi stoner e condito con un sassofono a la John Zorn. Insomma un pantagruelico mix musicale che tuttavia crea una personalità ben definita innovativa e fuori dagli schemi. Non va dimenticata poi l’indole sperimentale dei Captain Mantell, meno presente che in altri loro dischi, ma comunque viva. Alla stessa maniera è stata notevolmente ridotta la componente elettronica e tecno che fa capolino solo qua e là. Nell’insieme Dirty white king è un disco pesante per sonorità ma non ostico nell’ascolto nonostante i cambi di atmosfera e i passaggi al limite del noise. Un cd da ascoltare a più riprese per riuscire a coglierne tutte le sfumature e carpirne lo spirito. Una band assolutamente da conoscere e seguire se si cercano combinazioni inusuali e personali sorrette da ritmiche non canoniche e passaggi spiazzanti.

TRACKLIST
1.Dirty White King
2.The Invisible Wall
3.Stuck In The Middle Ages
4.Worst Case Scenario/Alone
5.Blood Freezing
6.Livor Mortis
7.Let It Down
8.Inner Forest
9.Days Of Doom
10.In The Dog Graveyard
11.Even Dead
12.And Nothing More To Come… Maybe

LINE-UP
Tommaso Mantelli – Guitars and Voice.
Sergio Pomante : Sax.
Mauro Franceschini : Drums.

URL Facebook
https://www.facebook.com/captainmantell

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *