Tempi-Dispari.it

Controtempi di Cultura

She was nothing cambio di direzione tra electro rock e drum and bass, il nuovo Reboot

Recensione a cura di Carmine Rubicco

Cambio radicale di direzione per i milanesi She was nothing con il loro nuovo Reboot, dal metal, che pure resta una robusta base, ad un mix tra Rock Elettronico e Drum and Bass. A 5 anni di distanza dal fortunato “Dancing Through Shadows” i nostri si ripresentano con 12 brani adrenalinici e godibilissimi. Per dare riferimenti stilistici si possono richiamare gli Apollo 440, ma meno caustici, o ancora, come afferma la stessa band, Modstep, uniti a melodie in stile Linking Park con chitarre potenti e qualche sferzata industrial. Il tutto passato attraverso una forte impostazione melodica e con diversi frangenti ‘aperti’ e leggeri come nel caso di Back to sleep. Di metal oltre ai suoni rimane la struttura dei pezzi arrangiati egregiamente. Ottima la produzione che ben sostiene ed enfatizza i brani grazie al mixing curato e accorto di Alessandro Bavo (Subsonica, LNRipley, Levante, Velvet). Buona la tecnica individuale della rinnovata line up. Un plauso va alla voce di Claudio Lobuono capace di creare linee melodiche efficaci e non scontate pur rimanendo di facile fruizione senza mai annoiare nè perdersi in sterili tecnicismi.

Un disco per menti aperte e per chi è in cerca di qualcosa di contemporaneo e assolutamente stimolante. Un lp per tutte le occasioni, da una festa affollata all’ascolto in cuffia. L’importante è che il volume sia alto.

Tracklist:

  1. Before It’s Too Late – Pt. I
  2. Can’t Stop These Things
  3. The Hunt
  4. Digging Under Your Skin
  5. Man VS Beast
  6. Brick After Brick
  7. Before It’s Too Late – Pt. II
  8. Back to Sleep
  9. B.S.O.D.
  10. Another Day, Another Way
  11.  Cocoon
  12. Reboot

Line up:

Claudio Lobuono: Vocals
Augusto Boido: Bass & Guitars
Leonardo Musumeci: Synths & Keyboards
Davide Malanchin: Drums

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *