La musica della porta accanto

La musica attraverso suoni, parole e immagini. Tempi-Dispari è un portale culturale grazie al quale è possibile essere sempre aggiornati sulle ultime evoluzioni delle “cinque arti”. Tempi Dispari si pone al di sopra delle etichette, delle mode del momento, così come rimane estraneo agli influssi del mercato globale. Tempi Dispari, la musica della porta accanto. Per saperne di più non resta che visitare il portale. Cosa aspetti, let’s be rock together!

Vasco: l’edizione deluxe di “Sono Innocente” con il dvd “Il Decalogo di Vasco” in uscita il 4 dicembre

Esce il 4 dicembre un’imperdibile edizione Deluxe con CD + DVD, l’album e il film… che non si vede al cinema ma solo a casa vostra! Per i super fan collezionisti, attenzione alla copertina del cofanetto, si tratta della quarta inedita  foto del servizio di copertina… L’ultima della serie.

Coerente con il suo personaggio e con la sua storia, non lo vedi spesso in televisione, anzi ci va molto poco. Vasco lo si sente più alla radio o… su facebook dove ha circa 4 milioni di “amici” con i quali, per primo, ha “Komunicato” attraverso i “clippini”.

O, ancora meglio,  lo si incontra in concerto allo stadio, dove il dialogo è a diretto contatto emotivo con la sua gente.  Senza filtri di sorta, solo con le sue canzoni inevitabilmente rock, che parlano forte e chiaro.

Quando si parla di Vasco a fine anno,  i numeri sono sempre dalla sua parte:

  • L’album “Sono Innocente “  viaggia oltre i  6 dischi  di platino e ce n’è ancora molto da scoprire.

Ricco di contrasti e di chiaroscuri, di brani diversi uno dall’altro che lo rappresentano oggi, con un pizzico di ieri e uno sguardo al futuro. Al Vasco.2 .

E’ il  suo 17esimo  album di studio, la 17esima puntata della sua vita e della sua carriera artistica  iniziata con l’ironia di “Ma cosa vuoi che sia una canzone”, nel 1978. Da allora una sorta di autobiografia in musica, le sue evoluzioni artistiche, i suoi cambia-menti trasmessi per canzoni, sempre sincere e “innocenti”.

  • In Tour con il Live KOM ‘015, l’edizione dedicata al nuovo album, ha richiamato oltre 600.000 fan, in 14 date e doppi stadi sold out, in 8 città da Bari a Milano, Bologna, Firenze, Torino, Napoli, Messina per finire a Padova, 12 e 13 luglio, doppia trionfale data.  Come lo chiama Vasco su facebook: “Il tour dei Records e dei Topless”  e aggiunge :  “La novità quest’anno erano i topless! Non avevo mai visto così tante ragazze che si toglievano il reggiseno,  lo lanciavano verso il palco e… rimanevano a seno nudo… piacevolmente libere e liberate! Succedeva su Rewind un momento di condivisione totale!… E se questo è l’effetto che fa il rock, allora W il Rock! E… W le tette al vento!!”

 

  • A chiusura del cerchio,  la sua straordinaria partecipazione alla 72esima Mostra del Cinema di Venezia per l’anteprima del film “Il Decalogo di Vasco”, di Fabio Masi (autore Rai3/Blob).

Il film visionario e poetico di Fabio Masi, con Vasco attore a sua insaputa, racchiude molto bene le emozioni vissute prima, durante e dopo i concerti.

Sul Red Carpet del Lido, per un giorno ribattezzato Tappeto Rossi, un pubblico così non s’era mai visto: fan arrivati da ogni parte d’Italia per vederlo, toccarlo, abbracciarlo. E lui che ricambia l’affetto e con generosità si concede a fotografi e fan… Divo assoluto tra i divi per un Tappeto Rossi che rimarrà nella storia della Mostra del Cinema.

Il cuore del film batte nel decimo capitolo, quando tutti gli elementi sparsi emblematicamente qua e là,  si ricongiungono e confluiscono nel  minimalismo del video di “Quante volte”, struggente ballad attualmente on air.

Non più la Sagoma, ma Vasco in carne e ossa che si presta al gioco e sperimenta mettendoci la sua faccia. La potenza nella mimica del volto, un primissimo piano che racconta, resiste e cede alle “mani-polazioni” della vita.

E, a proposito di  attualità… sugli atti terroristici di Parigi, Bataclan, Vasco ribadisce quanto scritto nel suo post su facebook all’indomani della tragedia del 13 novembre:

“Noi non abbiamo paura,

Non cambieremo le nostre abitudini

e Non cambieremo certo i nostri valori di civiltà!”

[guarda il post su Facebook]

Poche parole ma chiare che hanno raggiunto circa 3.500.000 persone, con 84.000 mi piace e 21.200 condivisioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *