Al Teatro Vascello, Mar del plata dal 29 aprile

scritto e diretto da Caterina Venturini

Con Isa Barzizza, alla fisarmonica Fabio Ceccarelli, con l’amichevole partecipazione di Maurizio Palladino e con il Laboratorio Teatrale Permanente Horti Lamiani.

Musiche originali di Fabio Ceccarelli

Protagonista della piecès una signora del teatro italiano, compagna di lavoro del grande Totò per tanti anni:  Isa Barzizza. Alla fisarmonica il musicista di Nicola Piovani, già prima fisarmonica della Rai, Fabio Ceccarelli. E ancora Maurizio Palladino, e il laboratorio teatrale permanente Horti Lamiani.

Una nonna alla ricerca del nipote ‘rubato’ dalla dittatura argentina.

Una giovane donna alla ricerca della sua identità.

Un paese che ancora cerca la verità sul suo passato.

Nel 1977 una giovane coppia viene sequestrata dai militari argentini e rinchiusa nella Scuola di Meccanica dell’esercito. Mentre l’uomo viene subito ucciso, si consente alla donna, incinta, di partorire prima di essere giustiziata. La bambina separata dalla madre, che viene subito dopo assassinata in uno dei famigerati “voli della morte” sul Mar del Plata, è data in adozione a una famiglia di militari legati al regime, dove  cresce con un nome diverso da quello che la giovane madre le aveva dato, ignara della sua storia. Molti anni dopo, grazie ad alcune testimonianze ed eventi, e soprattutto attraverso l’aiuto di Luisita – Nonna di Plaza de Mayo, da trent’anni alla ricerca del figlio di sua figlia, uccisa dalla dittatura- scopre di essere la “nipote numero…”.

Un racconto teatrale, teso e intenso, costantemente intrecciato con l’emozione struggente e passionale del tango.

La pièces trae ispirazione dalle storie di Victoria Donda e di Estela Carlotto, raccontate rispettivamente nei libri Il mio nome è Victoria, della stessa Victoria Donda e Estela di Riccardo Petraglia. Ma fonte e ispirazione sono stati anche i diversi incontri effettuati con protagonisti di quel tragico momento storico e, ancora, i documenti, le testimonianze, gli atti processuali…

La dittatura militare, chiamata Processo di Riorganizzazione Nazionale, ha lasciato tracce indelebili nella vita di migliaia di argentini. 30.000 persone desaparecide, 20.000 morte in combattimenti e scontri, 500 bambini sottratti e dati in adozione a famiglie gradite al potere.

In scena il dramma di tre generazioni. Giovani ‘desaparecidos’ nella fine degli anni ‘70, donne ormai anziane, Madri e Nonne di Plaza de Mayo, ancora  in cerca nel 2000 inoltrato, dei loro nipoti e di giustizia per il loro figli, e giovani tra i 30 e i 40 anni che in questi anni stanno venendo tragicamente a conoscenza della loro origine, della loro adozione ‘da pulizia etnica’.

Mar del Plata: strano crocevia, di bellezza e di dolore, luogo di nascita di Astor Piazzolla e luogo di morte della più grande poetessa del Sudamerica, Alfonsina Storni, che arricchisce la piecès con i suoi mirabili versi.

Una storia che ci parla della Storia, come già altri lavori dell’autrice Caterina Venturini (16 ottobre 1943 – Roma deportata; Sono Milena, da Praga; Un tappeto per volare –Storia di Iqbal Masih; Il Giusto che inventò il morbo di K )

Prezzo 15 euro posto unico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *